"LEDESMA AL GENOA? LO ESCLUDO"

D'IPPOLITO: "NON ESISTONO I PRESUPPOSTI PER UN TRASFERIMENTO DI LEDESMA AL GENOA"

Torna d'attualità il nome di Cristian Ledesma in vista della prossima campagna rafforzamento del Genoa. Il presidente rossoblù Enrico Preziosi, nei giorni scorsi, si è reso possibilista a concludere uno scambio tra Floccari e Ledesma con la Lazio del collega Lotito, con cui i rapporti restano ottimi.
Per capire quanto sia fattibile questa operazione, Pianetagenoa1893.net ha contattato in esclusiva Vincenzo D'Ippolito, procuratore del centrocampista sudamericano. «Non ho sentito le parole di Preziosi ma posso escludere l'ipotesi di un passaggio di Ledesma al Genoa - ha dichiarato a Pianetagenoa1893.net - In questo momento non esistono i presupposti per definire un trasferimento del mio assistito in rossoblù e, comunque, questo non è il periodo più adatto per affrontar e il tema del mercato».
A gennaio il Genoa le aveva tentate tutte per portare il ragazzo a Genova ma voi avevate rifiutato questa destinazione replicando che il giocatore sarebbe rimasto alla Lazio o approdato in un grande club. C'è qualche novità rispetto ad allora?
«Ripeto, adesso la testa è solo a questo finale di campionato. Devo ancora parlare con il diretto interessato ma credo proprio che le posizioni che abbiamo tenuto nella sessione invernale del mercato resteranno invariate».

pianetagenoa1893.net


Dal canto nostro, in veste di sito ufficiale, possiamo confermare che non c'è e non ci sarà nessuna trattativa col Genoa anche alla luce delle dichiarazioni del presidente Preziosi che nel mercato invernale, per motivare il mancato arrivo in rossoblù di Ledesma, alluse a una esagerata richiesta di ingaggio da parte del regista argentino del tutto inventata. 
Non da ultimo, Ledesma come già annunciato ai tifosi nel proprio blog, è del tutto concentrato sul finale di stagione e proiettato, se possibile, ad un rinnovo contrattuale con la Lazio, qualora anche la società fosse ben disposta in tal senso.

Lo staff di cristianledesma.com

(Venerdi, 23 Aprile 2010)
Torna indietro