LAZIO-UDINESE 3-1

(fonte: Lazialita.it)


La Lazio finisce la stagione 2009/10 superando l’Udinese per 3-1. I biancocelesti si congedano con una vittoria davanti al proprio pubblico che nonostante l’amarezza della posizione in classifica e della lotta per la retrocessione applaude i propri beniami. Meno gli applausi per il presidente Lotito che adesso è chiamato ad un super lavoro per evitare che i problemi di questa annata sfortunata si possano riproporre in seguito. Ottima la prestazione di Hitzlsperger che ha coronato la sua seconda presenza da titolare in biancoceleste siglando il primo gol della partita. 


La perla del tedesco – partita aperta all’Olimpico dove le due squadre, complice anche la posta in palio, si affrontano senza timori riverenziali. L’Udinese parte bene, con velocità e manovra si fa pericolosa nelle verticalizzazioni. La Lazio, dal canto suo, cerca di gestire la palla attendendo gli inserimenti di Floccari e Rocchi che giocano di sponda sempre sulla linea del fuorigioco. E’ proprio da una sponda di Floccari che arriva il gol del vantaggio siglato da Thomas Hitzlsperger al 15esimo. Il tedesco da fuori area non ci pensa due volte a lasciar partire un sinistro che con la complicità di una deviazione di Domizzi trafigge Romo, l’estremo difensore bianconero. Tutti corrono ad abbracciare il numero 15 biancoceleste che dal suo arrivo a Roma, non ha certo vissuto un finale di stagione entusiasmante. Emblematico il sorriso del Presidente Lotito inquadrato in tribuna.

Contestazione – Dalla curva Nord non vengono risparmiati i soliti cori nei confronti della presidenza. Nella serata dell’Olimpico l’ultima di campionato si tramuta in un’occasione per manifestare il dissenso nei confronti di Lotito. Uno striscione intorno alla metà del primo tempo si alza dal settore più caldo della tifoseria biancoceleste: “Società non all’altezza, ci hai costretto a lottare per la salvezza”, parole salutate dagli applausi di tutti i presenti.

Bomber Di Natale – Al 29esimo arriva il pareggio dell’Udinese, non con un giocatore a caso, ma proprio con Totò Di Natale, che incuneatosi nell’area biancoceleste supera Berni con un preciso collo destro che si infila all’angolino. Ma la Lazio non ci sta, i biancocelesti si riversano in attacco con veemenza e Rocchi sfiora il nuovo vantaggio con un buon destro ad incrociare che finisce di poco al lato. Al 39esimo però l’Udinese di Marino rimane in dieci uomini perché Isla dopo aver subito l’ammonizione per una trattenuta su Brocchi eccede nelle proteste e si fa cacciare fuori dall’arbitro Guida. L’allenatore bianconero corre subito ai ripari richiamando in panchina Floro Flores e mandando in campo Cuadrado.

Sigillo Floccari – Sul finire di prima frazione arrivo il nuovo vantaggio biancoceleste. Al 44esimo, al termine di una bellissima azione a due tocchi Floccari trova il destro a giro dal limite dell’area e porta la Lazio sul due a uno. Ad inizio del secondo tempo ricomincia alla grande la squadra biancoceleste con il terzo gol della serata siglato all’8avo da Christian Brocchi. Il mediano ex Milan al secondo gol consecutivo in due partite si libera bene al limite dell’area e di sinistro batte Romo per la segnatura che probabilmente chiude la partita.

Gestione Lazio – Dopo il gol di Brocchi la partita non ha più nulla da dire. L’Udinese fallisce un gol praticamente fatto con Sanchez e poi rischia di subire il quarto gol in più di una occasione. La più clamorosa capita sui piedi di Floccari che a tu per tu con il portiere non riesce a trovare l’angolino vincente e spara addosso all’estremo difensore bianconero. Dopo tre minuti di recupero l’arbitro fischia la fine delle ostilità, si chiude la stagione 2009/10. 

(Sabato, 15 Maggio 2010)
Torna indietro