LEDESMA MILANISTA MANCATO


fonte: Corriere dello Sport


"Uno come Ledesma, le squadre di alto livello come l'Inter o la Juve non ce l'hanno", disse Luca Marchegiani in un'intervista rilasciata a lalaziosiamonoi l'estate scorsa. "Il Milan però ha Pirlo". Ma stasera Andrea Pirlo non sarà al suo posto in mezzo al campo a dettare i tempi del gioco. Sarà in tribuna per squalifica. E a Leonardo un Ledesma forse avrebbe fatto comodo. Si, proprio lui, Cristian Ledesma. Che quest'estate era stato al centro dell'intrigo: qualora Pirlo avesse lasciato il Milan per raggiungere Ancelotti al Chelsea, l'argentino avrebbe quasi certamente vestito la maglia del Milan. Alla fine la trattativa non decollò.
In realtà lo stesso Ledesma la maglia del Milan la vestì per qualche giorno. Nell'estate del 2004 infatti Ancelotti lo invitò ad aggregarsi ai rossoneri per la tournée estiva a Shanghai e Hong Kong. Il Milan aveva appena vinto lo scudetto e l'anno seguente avrebbe raggiunto la finale di Champions League, persa incredibilmente ad Istanbul. Un giorno di quell'estate si diffuse l'incredibile notizia di un suo passaggio in nerazzurro: "Non so se si è trattato di uno scherzo o di una notizia giunta in modo deformato. Il fatto è che quando stavo in Cina nel clan del Milan si diffuse la notizia che ero stato ceduto all'Inter. Non vi dico gli scherzi che mi hanno riservato", raccontò al rientro in Italia. Alla fine rimase a Lecce e non andò né al Milan né all'Inter. In pratica Ledesma fu acquisito in prestito per alcune settimane prima di essere "rispedito" al mittente. Non fu acquistato per poco, ma ad Ancelotti piaceva il suo modo di giocare. Cristian aveva 22 anni e mise l'abito della tournée orientale nella valigia dell'esperienza: "Una tournée così serve perché ti fa capire qual è la vita di un grosso club, ti fa stare a contatto con grandi campioni, ti consente di vivere esperienze irripetibili". Costacurta gli fece da Cicerone, Redondo strinse con lui una buona amicizia: "Il Milan si è dimostrato davvero una grande famiglia e l'esperienza che ho fatto mi ha davvero arricchito".
Ledesma adesso sogna una grande notte (la sua prima da quando è tornato a giocare, ndr) davanti a a quel Milan che lo corteggia da sempre. Ha voglia di dimostrare tutto il suo valore ancora una volta. Obiettivo: salvezza. Il futuro: si vedrà. Intanto continuerà a giocare e lavorare duro per prendersi una sonora rivincita contro tutti.

(Domenica, 28 Marzo 2010)
Torna indietro